38

Posted On January 30, 2013

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 7 responses

In aggiunta al post sui CV, consiglierei a tutti i candidati di evitare la foto con maglietta a righe bianche e nere, a meno che non vogliano entrare nella Banda Bassotti. °_°

37

Posted On January 30, 2013

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 2 responses

Quando vedo un collega che arriva tardi, se ne sta oltre 1 ora in uno stanzino al cellulare a farsi i mazzi suoi, comincia a lavorare in ritardo dopo la pausa pranzo, esce prima di quando dovrebbe, il tutto perchè sa che nessuno lo controlla (l’unico tentativo di controllo è stato fargli segnare l’orario di entrata e uscita e tutti si erano accordi che barava) e poi ti dice che non ha tempo di fare un certo lavoro, ecco a me sale un “pò” la carogna, verso i capi che non sanno fare i capi, verso i sindacati che proteggono indiscriminatamente chiunque senza distinzione di merito, verso una legislazione che mantiene precario uno a vita ma non permette di licenziare un elemento del genere, verso tutto questo prima ancora che verso il collega, che se si comporta così è perchè gli viene permesso. 

36

Posted On January 22, 2013

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 6 responses

Avete presente il post n°31?

No?

Scendete a leggerlo.

Fatto?

E’ incinta.

35

Posted On January 14, 2013

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 6 responses

Sarà l’età, che invece che smussarmi gli spigoli li affila con la mola, ma più mi capitano sotto mano dei curriculum, più mi verrebbe voglia di chiamare queste persone e urlargli dietro.

Passino gli errori di impostazione del testo, rientri, paragrafi, giustificazione, non tutti hanno studiato dattilografia, ma in quanto diplomato e/o laureato si presume che un minimo di italiano sia passato sotto gli occhi, invece a volte pare di leggere testi buttati giù (scritti mi sembra esagerato) da persone con la terza elementare fatta 50 anni fa.

Ma soprattutto, non sopporto quelle lettere di presentazione stile “so chi siete e sono l’uomo per voi”.

Un piccolo esempio di stamattina: il “duevoltedott” dice di aver visitato il sito internet della banca, quindi di aver capito cosa cerchiamo e di essersi convinto di essere la persona giusta per una delle nostre filiali. A parte la presunzione, il nostro sito non parla di cosa cerchiamo, infatti non cerchiamo nessuno, e dice chiaramente che non abbiamo filiali.

Perchè, perchè perchè? 

Poi dicono che le aziende non rispondono ai candidati…