54

Posted On July 2, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 3 responses

Ovvero, perchè non fidasi è meglio.

Qualche tempo fa, per motivi legati ad una possibile vendita della società e blablabla, mi fu trasformato l’assegno ad personam concordato all’atto dell’assunzione con un superminimo, arrotondato in eccesso di circa 70 euro su iniziativa della società. Bon, perchè lamentarsi, dico io.

A giugno 2013, il contratto collettivo ha stabilito un aumento per il mio livello di circa 43 euro, ma a me (e ad altri colleghi nella stessa situazione) non è toccato a causa del famoso superminimo che assorbe appunto gli aumenti di contratto. Bon, compenso con l’aumento che mi era stato dato prima, dico io.

A giugno 2014, altro aumento contrattuale, circa 60 euro, ma di nuovo a me il superminimo riassorbe. Bon, 43+60=103, adesso però basta, dico io.

Salta fuori che ad una collega, anche lei con superminimo in busta, l’anno scorso era stato fatto l’aumento e quest’anno no. Il quasicapo mi dice di riferire allo studio delle paghe che l’aumento le va fatto anche quest’anno perchè sulla sua lettera non c’è scritto che il suo superminimo è riassorbibile. Bon, capita di sbagliare, dico io.

Però mi si accende una lampadina. Ma allora c’è superminimo e superminimo… non sono tutti uguali… E sulla mia lettera, cosa c’è scritto? Sono andata a vedere e ciccia, non è specificato nulla. Quindi, chi l’anno scorso ha detto allo studio delle paghe, cioè il quasicapo, che a me gli aumenti non toccavano ha toppato. Bon sticazzi, dico io.

Molto carinamente (capita anche a me, giuro), sono andata dal quasicapo a fargli presente la cosa e la sua risposta è stata che quando l’anno scorso aveva parlato con quello delle paghe non si ricordava del mio contratto perchè non l’aveva concordato lui (vero, io sono arrivata qui prima di te, ma la lettera con il passaggio da assegno ad personam a superminimo me l’hai firmata TU), ma si ricordava solo quello del collega fankazzista.

Vediamo se ho capito, tu ti ricordi del contratto di un dipendente, ma dai disposizioni per 3 persone senza verificare le loro situazioni?

Vorrei dire che sei uno stronzo, ma farebbe pensare ad un’azione macchiata dal dolo e tu sei troppo stupido. 

A conti fatti, io ci ho smenato circa 560 euro l’anno scorso e ipotizzando che il prossimo aumento contrattuale sia fra un anno, altri 1.300 circa a giugno 2015. Al netto delle tasse, non è una gran cifra e sono contenta di potermi permettere di dirlo, però tu sei un IDIOTA INCAPACE!

Capite quando dico che lavoro per gente di mxxx?

 

 

Advertisements

53

Posted On June 27, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 5 responses

Se quando ti licenzi, ti costruiscono ponti d’oro, fatti una domanda e datti una risposta su quanto sei stato apprezzato negli anni in cui hai lavorato lì.

(coglione fankazzista e disonesto, aggiungerei)

52

Posted On June 19, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 6 responses

Ho mandato ai GRANDI CAPI una mail chiedendo un passaggio di livello giustificato dalla qualità e quantità del lavoro svolto negli ultimi anni (leggi: mi avete sbolognato qualunque cagata gli altri si rifiutassero, a vario titolo di fare, e l’ho sempre fatto bene), mettendo per conoscenza il mio responsabile.

Questo ha risposto, a tutti, con le parole “letteralmente cado dalle nuvole”.

Lasciamo stare cosa lui voleva dire, cioè che non sapeva che avrei fatto questa richiesta, ma io traduco la sua risposta con “non sapevo avesse fatto tutto ‘sto gran lavoro così bene”.

Sono io paranoica?

51

Posted On May 30, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 2 responses

Poi arriva un giorno in cui ti capita di fare il tuo lavoro, intendo proprio il TUO, quello per cui hai studiato, quello per cui sei preparata, quello che istintivamente hai scelto a 13 anni, non quello di qualcun altro, con i tuoi tempi e senza troppe rotture di quaglioni per 3ore3 e ti rendi conto che un mondo diverso è possibile.

E invece che essere contenta, ti vien da piangere dalla frustrazione.

50

Posted On May 27, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped one response

Gente che pur di non lavorare, chiacchiera anche con i colleghi che gli stanno sui maroni.

49

Posted On May 9, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 3 responses

Tre laureati in economia e commercio e uno in legge e nessuno che sa cosa sia un consorzio.

 

48

Posted On May 7, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped leave a response

Questo il calendario della Nazionale Italiana Rugby nel RBS 6 Nazioni 2015:

Sabato 7 febbraio, Roma – Stadio Olimpico, ore 15.30

Italia v Irlanda

Ce la posso fare.

Ce la posso fare.

Ce la posso fare.

 

47

Posted On May 2, 2014

Filed under Uncategorized

Comments Dropped one response

E’ triste, stancante, esasperante, demoralizzante, sfiancante, fiaccante lavorare in un posto dove già a metà di OGNI frase di OGNI tuo collega l’unico tuo pensiero è NON ME NE FREGA NIENTE.

45

Posted On July 12, 2013

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 2 responses

“Il Governo ha deciso, stop ai figli di serie B”.

Qualcuno avverta mia madre.

44

Posted On June 26, 2013

Filed under Uncategorized

Comments Dropped 4 responses

Martedì sera, al telefono, Pipù e PapàPipù.

P: “hai visto che domenica ti ho lasciato sulla poltrona delle magliette, devi guardare quelle che ti metti ancora e quelle da scartare”.

PP: “si, le ho viste lunedì mattina (domenica sera era in baracca), ma non ho avuto tempo”.

P: “………”

PP: “eh, lunedì ho pulito il giardino poi ho preso il sole, al pomeriggio avevo il torneo al club (lunedì sera era in baracca), oggi sono stato tutto il giorno in piscina in montagna, adesso sono a cena fuori (in baracca), domani non so se riesco, vado in palestra… il giardino… il torneo di carte…”

P: “… le cavallette, il vestito in tintoria…”

PP: “eh? devo passare ANCHE in tintoria?.

P: “no, pà, scherzavo”.

La “triste” vita del pensionato.

Next Page »